Le Mtb che hanno fatto la storia

Ser pecora

Diretur Heiliger Geist
Staff member
Diretur
6/16/03
11,702
220
0
98
Vico Road, Dalkey
www.prosecco.com
Leggendo l'articolo dell'ultimo n° di Mtb-Action (Luglio 2011) mi sono ritrovato più volte col naso storto (e non per colpa di un destro di GP Galloni :-), non ancora quantomeno....:-( )

Nel senso che le mtb scelte come quelle "che hanno fatto la storia" a mio avviso sono in alcuni casi scelte che non condivido. Condivido in generale l'idea di non fare solo una lista "nostalgica" di mtb ormai solo preda dei maniaci del vintage tralasciando modelli più recenti, cosi' come quella di non privilegiare solo modelli "high-end" da n-mila euri.

Pero', per fare la storia a mio avviso a volte ci vuole qualcosa di più che il solo "andare bene" sul campo.

Niente di che, sono solo opinioni, e siccome il bello dei forum è condividerle e discuterle, ecco quindi-le mie. In attese di quelle di chi vorrà partecipare aggiungendo, togliendo, proponendo e discutendo :-)



1-Breezer JBX1 (1977): La prima Mtb specificamente concepita per l'utilizzo a noi noto

18392.jpg


2-Specialized Stumpjumper (1982): Anche per Mba questa è la "Ford T" delle mtb. La prima mtb industriale che ha dato il via al fenomeno di massa

18393.jpg


4-Yeti Fro (dal 1984): un modello nato grazie a nomi leggendari oggi della mtb come Frank the Welder e John Parker, tutt'ora prodotto, su cui hanno corso negli anni tanti degli eroi anni '90 della mtb. Segno distintivo i "loop stays" ed il colore turchese (non quello della Bianchi!)

18398.jpg


3-Merlin Mountain (1989): la prima Mtb in titanio. Disegnata da Joe Murray (sua pagina nella mtb-hall-of-fame)

18390.jpg


4-Fat Chance Yo'Eddy (1991): anche questa c'è nella lista di Mba, ma non ci sono le ragioni a mio avviso. La mtb nasce nella west coast americana per andare "downhill", giù dai monti, Chris Chance, di Fat Chance, nella East Coast le rende pedalabili anche "uphill" concependo geometrie più adatte allo scopo e dando vita quindi alle bici che oggi definiremo da cross-country

18399.jpg


5-Klein Attitude (1990): il genio di Gary Klein (uno dei pochissimi "studiati" del mondo mtb) sboccia e propone alcue novità che segneranno la via per il futuro: telai saldati alu tig, serie sterzo oversize, forcella monoblocco con steli in alu, manubrio integrato (il mission control 1), passaggio cavi interno ed un ingegnoso sistema per non far cadere la catena (il chain device control). Il tutto nelle colorazioni che ancora oggi fanno sbavare appassionati degli anni '80 e tedeschi

18395.jpg


6-GT Zaskar (1991): per GT ci sono parecchi modelli che meriterebbero di entrare nella storia, la Zaskar pero' è forse il modello più iconico perchè presente ancora oggi, anche in carbonio (ed a suo tempo in titanio anche se con un altro nome) col celebre triplo triangolo del telaio segno distintivo di GT (anche se era apparso decenni prima su altre bici)

18397.jpg


7-Mountain Cycle San Andreas (1991): forcella a steli rovesciati, freni a disco, un design rivoluzionario. Robert Reisinger porta il suo know-how motocrossistico nella mtb e firma un modello che è finito in vari musei ed ha aperto la strada a tanti

18400.jpg


8-Specialized Stumpjumper FSR (1994): Specy e l'Horst Link iniziano una saga che continua fiorente anche oggi. Se penso alla-full penso alla FSR

18386.jpg


9-Foes LTS (1995): Brent Foes ha portato l'attenzione su alcuni aspetti delle sospensioni fino ad allora abbastanza "pionieristiche" soprattutto in termini di idraulica e sua ottimizzazione: rapporto di compressione, piattaforme stabili ed una cura costruttiva delle stesse più simile a quella motociclistica

18387.jpg


10-Cannondale Raven (1998): anche su questa concordo con Mba. Una bici innovativa come tante di Cannondale. All'epoca il suo design e l'impiego del carbonio fece scalpore

18388.jpg


11-Kona Stinky Dee-Lux (1998): scarse, fatte con le lattine di recupero, etc. etc. Kona è un marchio assai bistrattato (a parole), ma ha sempre fornito bici che funzionano a prezzi ragionevoli. In particolare la Stinky -è stata uno se non il primo modello di bici da Freeride industriale alla portata di tutti ed oggi è ancora un punto di riferimento del mercato

18394.jpg


12-Rocky Mountain RM6 (2000): La bici da Freeride. Quella che usano i Froriders: Wade Simmons, Richie Schley e Brett Tippie e che diventa il sogno di tanti nei primi video

18391.jpg


13-Santacruz Nomad (2005): Non è la bici che ha introdotto il VPP, ma quella che lo ha imposto ed obbligato gli altri a presentare qualcosa di "simile". Idem per il top tube ad onda

18396.jpg


14-Decathlon Rockrider varie versioni (2005 circa): La RR è la bici del supermercatone, quella che contraddistingue il "niubbo" della mtb, ma anche la bici che a buon prezzo avvicina da anni migliaia di praticanti alla mtb

18389.jpg


15-La Canyon Torque dello Sheriffo Muldox (oggi): Un binomio inscindibile che elettrizza (incredibilmente) tutti i lettori della Pecora Sclera. Senza contare i soldoni che mi versa Canyon per questa citazione


One Day in St. Moritz on Vimeo
 

playlife

Biker assatanatus
7/10/07
3,084
-1
0
36
venezia
Visit site
alcune bellissime...son felice che ci sia una rocky...unici 2 appunti:
1)riferimenti alle prime trek oclv? o comunque al mondo della "plastica a quadretti"?
2)la kona...si fa riferimento alla stinkyy del 98 mi pare, e la foto pare di una stinky credo 2008-2009 o forse addirittura 2010...sarò nostalgico...ma ricordo quando nel 2000 il giorno prima della rampilonga dissi a mio padre che per la laurea mi sarei preso una kona stab primo che avevo visto in anteprima su bicidamontagna con montato un guidacatena roox e una shiver dc...la foto recente non fa capire a chi all'epoca non amava le bici, quanto fighe fossero le kona...
 
  • Like
Reactions: LEPUS

playlife

Biker assatanatus
7/10/07
3,084
-1
0
36
venezia
Visit site
bello!
pero' secondo me la raven non aveva la lefty ma l'headshok.
al posto della fat chance io avrei messo la ritchey P21
forse le primissime...che erano evoluzioni della superV in qualche modo...e le raven con la lefty avevano il magico sistema ELO con le pile...che gran bella bici...odio il carbonio...ma la raven la terrei volentieri:) per la p21...finalmente ritchey per il 2012 fa un telaio da sbavo con i suoi classici colori...capolavori d'altri tempi...se in italia aprire un'azienda fosse più semplice credo che ci sarebbero anche giovani telaisti di prestigio...un pò come accade in america quando si vedono capolavori magistrali alla nahmb...vabbè...sto andando troppo o.t. evviva le bici!
 

motobimbo

Biker nirvanensus
9/30/08
28,901
1,891
0
Cimino
Visit site
Bike
reputazioni ricevute vecchio forum: 11.988
io ci avrei messo anche la bianchi ragno, se non altro per la grande diffusione che aveva in Italia negli anni '80 ed anche per i suoi colori evidenziatore.


p.s.
non sapevo che prima la stinky fosse dee-luxe, per poi diventare deluxe.
 

Fra#42

Biker forumensus
9/15/09
2,294
0
0
29
alba, CN
Visit site
geniale ser pecora...specie l'ultima menzione!:smile:

PS: credo che il punto 12 sia quello che mi ha fatto più riflettere...oramai le FR son giocattoli con fork munite di steli da 36/40 e ammo infiniti.forka e ammo della RM per una FR sembrano ormai piiiiiiccoli...:-)
 

jack11

Biker dantescus
3/1/10
4,579
105
0
30
imola
Visit site
mi sembra di vedermi il bobbyes quando mi raccontava le sue imprese con la sua rm7 da 22 kg, tanta salita e tanto FR. ora siamo solo dei poser fighetti, quasi tutti.
 
  • Like
Reactions: BLACK JACK

david_jcd

Redazione
8/11/05
10,708
21
0
36
Fortezza (BZ)
Visit site
Anche io mi trovo più con la selezione dell'ovino che con quella di mbAction. Che strano non trovare la nomad li! Quando sono entrato nel mondo della MTB la nomad era appena arrivata e da quel poco che ero in grado di capire, fin da subito è stato chiaro che sarebbe diventata una pietra miliare nel settore enduro (che tra l'altro non sapevo nemmeno se esistesse, prima della nomad).

D'accordissimo anche sulla deca, commovente rivedere la Stinky!
 

Boda

Biker grossissimus
2/21/10
5,432
7
0
Nel mondo.
Visit site
Io ci metterei queste:

- Cinelli Rampichino perché è stata la prima in Italia.
- Bianchi Thomisus (e tutta la serie ragno) perché, oltre al design innovativo e interessante (non si sa quanto efficiente) ha diffuso la mtb in Italia ad un pubblico meno elitario.
- La Proflex per essere stata una delle prime full e per il design innovativo.

Boda
 

Attachments

  • Cinelli.jpg
    Cinelli.jpg
    62.8 KB · Views: 243
  • Bianchi.jpg
    Bianchi.jpg
    39.1 KB · Views: 225
  • pro flex.jpg
    pro flex.jpg
    55.6 KB · Views: 210
  • Like
Reactions: Lasco and motobimbo

Classifica giornaliera dislivello positivo

Classifica mensile dislivello positivo